Top
la Riserva Naturale Speciale del lago di Pergusa sempre più accogliente per i suoi fruitori. PDF Stampa E-mail

Difatti, è stata proprio dalla sinergia tra l'ufficio 7 (Pianificazione del Territorio e Gestione RNS Lago di Pergusa), coordinato da Giuseppe Vitale, e l'ufficio 1 (Coordinamento Gestione e Manutenzione Stradale), coordinato da Gaetano Alvano, che è stata resa possibile la manutenzione del percorso naturalistico "Riva dei Giunchi". Con grande cura che i Collaboratori Tecnico-Stradali della Viabilità del Libero Consorzio, Paolo Ballacchino, Salvino Bompara, Roberto Eugenio e Viola Rosario, hanno provveduto, oltre che alla sopramenzionata manutenzione, anche allo sfalcio di una piccola porzione del canneto per ampliare la vista panoramica del lago, in preparazione anche dell'installazione prossimamente di una seconda postazione di birdwatching.

"Il percorso Riva dei Giunchi, realizzato da oltre 10 anni, si snoda per 650 metri sulla riva est del Lago, al bordo delle vasche costruite negli anni '70 per contenere il fango dragato dal fondo del Lago stesso. Ormai tali vasche sono state colonizzate da vegetazione spontanea, come il salvione giallo, la rosa selvatica comune, il biancospino, il malvone perenne, il corniolo sanguinello e l'endemica euforbia cornuta, ed hanno perso l'aspetto impattante che avevano all'epoca della loro costruzione, diventando invece un sito idoneo per fare una passeggiata immersi nella natura ed arrivare ad un punto dal quale si può godere di una vista panoramica del Lago ed osservare l'ornitofauna" ha dichiarato Rosa Termine, biologa della Kore.

Il sentiero, oltre ad essere frequentato dai cittadini per passeggiare, correre o andare in bicicletta, viene utilizzato dall'Università Kore per attività di ricerca scientifica oltre che per attività di Educazione allo Sviluppo Sostenibile rivolte alle scolaresche e agli studenti dell'Ateneo.