Top
Croce Rossa Italiana
In Sicilia scuole poco accessibili e senza ausili tecnologici per gli alunni con disabilità PDF Stampa E-mail

Il tema della disabilità sarà al centro del dibattito di Exposanità (Bologna 18-21 Maggio 2016), l'unica manifestazione italiana dedicata alla sanità e all'assistenza Milano 04 marzo 2016 – Nonostante in Sicilia gli alunni con disabilità iscritti nell'anno scolastico 2014/2015 siano stati quasi 22.748 - 2,8% del totale degli studenti -, gli istituti della regione presentano numerose barriere che non li rendono inclusivi. Tra queste l'assenza di segnali visivi, acustici e tattili per favorire la mobilità all'interno della scuola di alunni con disabilità sensoriali; la mancanza di percorsi interni ed esterni accessibili; la scarsa presenza di tecnologie informatiche per l'apprendimento.

Leggi tutto...
 
ENNA: IL MONASTERO DEI BENEDETTINI, RISCHIA DI CROLLARE PDF Stampa E-mail

Enna. Il Monastero dei benedettini, rappresenta ancora oggi un simbolo delle varie opere d'arte presenti in Città. Sono ormai anni che il Monastero a causa di vari cavilli burocratici rimane abbandonato a se stesso, nell'incuria e nel degrado totale. Stavolta a farne le spese potrebbe essere il tetto malandato dell’ex convento dei Benedettini che rischia

Leggi tutto...
 
ENNA: CERIMONIA DI APERTURA DELLA FACOLTA' DI MEDICINA ROMENA AD ENNA PDF Stampa E-mail

In riferimento alla nota del MIUR avente per oggetto l’estensione in aula remota della Facoltà di Medicina e delle Professioni sanitarie dell’Università Dunarea de Jos di Galati, non possiamo non registrare come, ancora una volta, il Ministero cerca di confondere la realtà dei fatti, nel tentativo – in verità alquanto ridicolo – di instillare insicurezza negli studenti e nelle loro famiglie, circa la validità del titolo che sarà conseguito al termine del corso di studi universitario, utilizzando argomentazioni che nulla hanno


a che vedere con la realtà dei fatti e, soprattutto, con il vigente quadro normativo comunitario. In ogni caso torniamo a ribadire che il titolo di studio non è e non sarà rilasciato dal Fondo Proserpina srl ma, bensì, dalla stessa Università Dunarea de Jos che non ha aperto a Enna nessuna filiale ma, bensì, una “estensione didattica in aula remota” nel rispetto del diritto di stabilimento sancito dal Trattato per il funzionamento dell’Unione Europea e, per tale ragione, non necessita di alcun tipo di accreditamento da parte del Ministero italiano, in quanto già dotato dei necessari accreditamenti da parte del Governo della Romania e dell’Unione Europea.  Ci auguriamo, inoltre, che il MIUR metta lo stesso impegno e la stessa foga con la quale si interessa alla vicenda dell’estensione romena a Enna, ad altre iniziative, come quella portata avanti dall’università di Sofia in collaborazione con il CEPU.

Antonella De Gregorio per il Corriere della Sera
Stefania Giannini, da Catania, ha dichiarato che l’iniziativa «è completamente fuori legge»: «Noi abbiamo il dovere di tutelare l’Università. Per quello che riguarda la garanzia di qualità, questa iniziativa si pone completamente fuori dalla legge, dai binari chiari e trasparenti che riguardano tutti gli Atenei», ha detto. E sul sito del ministero ha fatto poi pubblicare una «comunicazione urgente»: «Si ritiene necessario informare studenti e famiglie che, anche a tutela della qualità degli studi universitari, l’attivazione di corsi universitari sul territorio nazionale da parte delle Università, italiane o estere, è consentita soltanto subordinatamente all’adozione di un provvedimento di accreditamento da parte del Ministero su conforme parere, fra l’altro, dell’Agenzia nazionale di valutazione (ANVUR). Nessun accreditamento è stato concesso dal ministero per l’attivazione a Enna di corsi in area medico-sanitaria alla sopraindicata Università Rumena, né tantomeno può essere destinataria di un simile provvedimento il “Fonda Proserpina s.r.l.”. Si evidenzia pertanto che eventuali titoli rilasciati all’esito di tali corsi non avrebbero alcun valore né a fini accademici né ai fini professionali e non potrebbero essere riconosciuti né da altro Ateneo né da altra Autorità pubblica». Mario Barbarino






 
ASI ENNA. VENERDÌ 30 MARZO SI INSEDIA IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ALFONSO CICERO PER AVVIARE LA LIQUIDAZIONE IN VISTA DELLA NASCITA DELL'IRSAP. PDF Stampa E-mail

Enna – Si insedierà venerdì 30 marzo il Commissario Straordinario dell' Asi di Enna, Alfonso Cicero, nominato ai sensi della legge n.8 del 2012 che istituisce l'Irsap, Istituto Regionale Sviluppo Attività Produttive e determina la messa in liquidazione di tutti i consorzi Asi di Sicilia, nell'ambito della “riforma” delle Asi fortemente voluta dall'Assessore Regionale per le Attività Produttive Marco Venturi. La stessa Legge indica le competenze del commissario che consistono negli atti di ordinaria amministrazione, nonché la liquidazione, la rendicontazione della situazione economico-finanziaria, del personale e degli immobili dell'ente. Il Commissario Cicero

Leggi tutto...
 
RIFORMA DELLE ASI. IL COMMISSARIO DEL CONSORZIO ASI DI ENNA, ALFONSO CICERO: “E' SVOLTA EPOCALE DOPO DECENNI DI PROMESSE, PDF Stampa E-mail

Enna - “La riforma delle Asi segna una svolta epocale nel contesto economico-produttivo della Sicilia. Decenni di promesse e di attese per un riforma che non arrivava mai sono approdate finalmente ad una riforma organica, agile ed efficiente”. Lo afferma il Commissario straordinario dell'Asi di Enna, Alfonso Cicero, che così commenta l'approvazione, martedì sera all'ARS, del Ddl. “Una legge – prosegue Cicero - voluta fortemente dall'assessore regionale alle Attività Produttive, Marco Venturi, che  ha interpretato perfettamente la progettualità innovativa di Confindustria, eliminando l'obsoleta impalcatura dei Consorzi Asi,

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 8

Istituzione


ASI


ASI Consorzio per l'Area di Sviluppo
Industriale della Provincia di Enna

Sede Legale piazza Garibaldi, 8
94100 Enna

Cento direzionale z.i. SS. Assoro (En)